Archivi categoria: Leonardo…

f l y t o g r a p h y

Vorrei un Italia con nuovi Leonardo e Galileo…


Leonardo da Vinci…

Il 2 maggio 1519 moriva Leonardo da Vinci…

Milano sarà una delle città più ricche di iniziative dedicate al cinquecentesimo anniversario dalla morte di Leonardo da Vinci, che partiranno ufficialmente il 2 maggio con la riapertura straordinaria della Sala delle Asse del Castello Sforzesco: qui sarà possibile ammirare, dopo anni di lavori e un lungo intervento di restauro, le straordinarie tempere a tema naturalistico dipinte proprio da Leonardo intorno al 1498.

E sarà proprio a partire da questa straordinaria testimonianza del passaggio di da Vinci a Milano che, il 16 maggio, inaugurerà anche “Leonardo e la Sala delle Asse tra Natura, Arte e Scienza” presso la Cappella Ducale: i disegni originali di Leonardo verranno messi a confronto, in questo caso, con le opere di altri artisti del Rinascimento.

Anche la Biblioteca Ambrosiana proseguirà il percorso attraverso i disegni del Codice Atlantico con un’altra importante esposizione dal titolo “Leonardo in Francia”, dal 18 giugno, mentre non poteva mancare l’appuntamento al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia, che proprio a Leonardo è intitolato: qui, fino ad ottobre, sarà esposta una ricca selezione di macchine realizzate seguendo i disegni del maestro, insieme ad una speciale sezione dedicata agli affreschi della Pinacoteca di Brera.”

Continua su: fanpage.it
Articolo a cura di Federica D’Alfonso

La mostra Leonardo3 in Piazza della Scala a Milano celebra il genio vinciano offrendo ai suoi visitatori una visita guidata gratuita per scoprire un Leonardo inedito, grazie a scoperte e ricostruzioni di macchine in anteprima mondiale.

500 volte grazie ad un maestro italiano che non potrà mai essere dimenticato!


I segreti della Monna Lisa…

Secondo alcuni esperti, la Monna Lisa è molto più di un semplice ritratto. Leonardo da Vinci ha davvero racchiuso un codice segreto all’interno della sua opera?


LEONARDO DA VINCI

Perchè Leonardo è stato secondo i più il massimo genio della storia?

Ecco 7 caratteristiche della sua personalità che forse ci aiutano a spiegarlo.

1. CURIOSITÀ

Leonardo aveva un atteggiamento di insaziabile interesse verso il mondo, una inestinguibile sete di sapere.
Vasari racconta che fin da bambino interrogava il suo maestro di matematica con tantà originalità che “movendo di continuo dubbi e difficultà al maestro, bene spesso lo confondeva”.
Le grandi menti continuano a porsi tutta la vita domande strane, a volte illogiche. La curiosità alimentò la sorgente del genio di Leonardo per tutta la vita.
Tutte le passioni, la fedeltà, la devozione di Leonardo furono indirizzate alla ricerca della verità e della bellezza.

Kenneth Clark lo ha definito “indubbiamente l’uomo più curioso che sia mai esistito”

“Naturalmente li boni omini desiderano di sapere” – Leonardo da Vinci

2. SENSAZIONE

Secondo Leonardo sono i sensi, in particolare la vista, a svelare la natura delle cose. Nel suo Codice sul volo degli uccelli, per esempio, troviamo particolari accuratissimi sul movimento delle penne e delle ali durante il volo che rimasero privi di conferma fino all’arrivo della moviola.

Leonardo aveva una vista acutissima. Se la vista aveva la massima importanza e di conseguenza per lui la pittura era la disciplina artistica più rilevante, l’udito, quindi la musica venivano subito dopo.

Era infatti un abile musicista.
La sua popolarità nei palazzi dei suoi committenti era in parte attribuibile al atto che suonasse flauto, lira e altri strumenti.

Ma Leonardo praticò e incoraggiò anche l’educazione degli altri sensi. Teneva ad assaporare il contatto coi velluti e le sete. Il suo studio era sempre profumato dalla fragranza di frutti ed essenze.
Coltivò anche la passione della cucina: in Occidente fu il primo a presentare nei banchetti porzioni piccole, equilibrate e squisitamente disposte.

“I cinque sensi sono ofitiali dell’anima”
“Ogni cognitione principia da sentimenti”Leonardo da Vinci

3. SFUMATO

Il principio dello sfumato è la chiave per mantenere una mentalità aperta davanti all’incertezza e liberare lo spirito creativo.
I critici d’arte usano il termine “sfumato” per descrivere la misteriosità e l’impenetrabilità dei dipinti di Leonardo.

Con la crescente comprensione di un sempre numero maggiore di fatti Leonardo si addentrava progressivamente nell’ambiguità, e con l’acuirsi della consapevolezza del mistero e del contrasto, si fece più profonda la sua tendenza ad esprimere il paradosso e le verità segrete nei quadri.

Il San Giovanni Batista di Leonardo per esempio è l’eterno punto interrogativo, l’enigma della creazione. “Ha il sorriso di una sfinge e il potere di una forma ossessiva” dice Clark.

Naturalmente la Gioconda è la massima espressione del mistero. Sono stati scritti fiumi di carta su questo…

“Quel pittore che non dubita poco acquista” – Leonardo da Vinci

4. ARTE / SCIENZA

Lo sviluppo dell’equilibrio tra arte e scienza, tra logica e immaginazione e l’utilizzo contemporaneo di emisfero destro e sinistro caratterizza tutta la vita di Leonardo.

“Leonardo proiettò nella scienza la visione dell’artista. Comprese che la scienza come la pittura deve ritrovare il disegno della natura nel suo dettaglio.” – Jacob Bronoski

Per Leonardo arte e scienza erano inseparabili. Osservò per esempio che nell’artista l’abilità di dare espressione alla bellezza della forma umana si fonda sullo studio approfondito dell’anatomia.

Pur affermando “Ostinato rigore!”, la cura del particolare, l’attenzione a logica, matematica, analisi sperimentale, Leonardo invitava anche gli allievi ad aprire le porte dell’immaginazione e dell’intuizione.

“Quelli che si innamorano di pratica senza scientia, son come il nocchiere che entra navilio senza timone o bussola che mai à certezza dove si vada” – Leonardo da Vinci

5. CORPORALITÀ

In Leonardo virtù fisiche straordinarie si integravano con i pregi intellettuali. Il Vasari ne magnifica la forma fisica e la grazia dei movimenti. Era un cavaliere abilissimo e “La forza in lui fu molta congiunta con velocità e destrezza”.

Da cuoco provetto quale era riteneva che una dieta ragionata fosse la via alla salute e al benessere.
Coltivò anche l’equilibrio nell’uso della parte sinistra e destra del corpo dipingendo, disegnando e scrivendo con entrambe le mani.

Ecco alcuni consigli di Leonardo:
“Guardati dall’ira e fuggi l’aria greve”
“Se fai esercizio sia spesso ma di picciol moto”
“Fuggi lussuria e attieniti alla dieta”
“No mangiar sanza voglia e cena lieve”
“Su dritto sta quando da mensa levi”
E in quanto alle cure mediche del tempo diceva
“Chi medicina piglia mal s’informa”

6. CONNESSIONE

Il cerchio che non smette di espandersi lanciando un sasso nell’acqua è una bella immagine del principio della connessione, che affiora nelle numerose osservazioni di Leonardo sulle strutture e connessioni del mondo attorno a sè.

Un segreto della impareggiabile creatività di Leonardo riside nella sua abitudine quotidiana di mescolare e collegare elementi diversi per formare nuove strutture.

Negli studi di architettura e urbanistica troviamo un riflesso del suo apprezzamento delle proporzioni naturali del corpo umano e di molte specie della natura. La sua conoscenza del corpo si delineò in parallelo alla percezione della terra come sistema vivente.

“Sì come la pietra gittata nell’acqua si fa cietro e causa di vari circuli, e il suono nell’aria circularmente si spande….”

“Il notare sopra dell’acqua insegna alli uomini come fanno gli uccelli sopra dell’aria”

“Ogni parte ha inclinatione a ricongiungersi col suo tutto per fugire dalla sua imperfettione”

“L’acqua non ha mai quiete insinochè si congiunge al suo marittimo elemento”

“Nell’aria le spezie delle parti dell’universo sono distribuite tutte”

7. DIMOSTRAZIONE

La dimostrazione è l’impegno a verificare le conoscenze, l’esperienza e la continuità, la volontà di imparare dagli errori e saperli riconoscere per correggerli.
L’orientamento pratico, l’intelligenza acuta, la curiosità e l’indipendenza di spirito lo indussero a mettere in dubbio buona parte della cultura acquisita e dei dogmi del suo tempo.

Durante le sue ricerche geologiche per esempio scoprì fossili sulle montagne e nel Codice Leicester troviamo argomentazioni decisive contro la concezione dominante all’epoca, secondo cui si trattava di resti del diluvio universale.
Per tutta la vita Leonardo si considerò discepolo dell’esperienza.

Fu modello di originalità e di indipendenza mentale
Il gusto di rifiutare l’imitazione, di interrogare l’autorità costituita e di pensare da sè sarebbe stato degno di nota in qualsiasi tempo, ma diventa sbalorditivo se si considera che Leonardo appartiene a un periodo storico in cui si dava per scontato, come puntualizza William Manchester, che “tutto quel che c’era da sapere lo si sapeva”.

L’attenzione scrupolosa di Leonardo alla verifica sperimentale, all’osservazione e alla critica di fronte a nuove osservazioni può in certo modo configurarsi come precorritrice di parte del metodo galileiano.

Leonardo era di un secolo precedente a Galilei, il quale a sua volta morì nell’anno di nascita di Newton. Leonardo fu profondamente diverso dagli altri due per il tipo di studi che intraprese e per la possibilità di applicazione che questi offrivano.

Egli si occupò oltre che di matematica, meccanica e scienze della natura, anche e soprattutto di arte in tutte le sue forme, ovvero scultura, architettura, pittura e disegno.
Il processo di autocritica di Leonardo era rigorosissimo e lo portò a correggere e ricorreggere moltissime volte i suoi studi e i suoi lavori, dimostrando così la sua umiltà e onestà intellettuale.

Il maestro capì che per mettere in discussione la visione del mondo in generale occorre prima di tutto mettere in discussione la propria visione personale e ammonisce

“Il massimo inganno delli omini è nelle loro oppinioni”.

Liberamente tratto da “Pensare come Leonardo” di Michael J. Gelb


Leonardo…

Happy birthday to an amazing man who gave the world so much…

Painter, Inventor, Architect, Sculptor, Writer. He was the original renaissance man.

“Simplicity is the ultimate sophistication.”

“Study the science of art. Study the art of science. Develop your senses – especially learn how to see. Realize that everything connects to everything else.”

“All knowledge that ends in words will die…, with the exception of the WRITTEN WORD…”

“Learning is the only thing the mind never exhausts, never fears and never regrets.”

“People of accomplishment rarely sat back and let things happen to them. They went out and made things happen.”

Leonardo da Vinci born on this day in 1452.

Nasceva il 15 aprile del 1452 il genio Leonardo da Vinci

E Milano è densa di luoghi a lui legati. Come la meravigliosa Casa degli Atellani di Corso Magenta.

Appartiene alla famiglia Conti che, all’inizio del Novecento, recuperò la dimora quattrocentesca di Giacomotto della Tela (Atellani).

Sono visitabili il cortile, alcune sale affrescate tra il XV e il XVI sec. e il lussureggiante giardino che ci si aspetterebbe di vedere in una villa di campagna, non certo in città.

Alla fine del Quattrocento, nel 1498, proprio in questo luogo, mentre Leonardo dipingeva l’affresco del Cenacolo, ebbe in dono da Ludovico il Moro una vigna.

Successivamente, nel suo testamento, redatto ad Amboise un mese prima della morte, ordinò che la vigna rettangolare venisse suddivisa in due lotti uguali, da assegnare ad un suo allievo, ed al servitore che l’aveva seguito in Francia. Nell’ultimo atto documentato in vita, Leonardo si ricordò della sua vigna.

Quattrocento anni dopo, nella notte tra il 12 ed il 13 agosto 1943, attorno alla mezzanotte, scattò a Milano un allarme aereo. Su Milano furono inviati 500 aerei della Royal Air Force inglese, con l’intento di creare sulla città il cosiddetto vortice di fuoco, per annientarla totalmente.

L’inferno provocato da 2000 tonnellate di bombe durò per circa un’ora. Il centro cittadino fu la zona più colpita, così come i quartieri Ticinese, Garibaldi, Sempione. Gli incendi divamparono ovunque, con effetti distruttivi su molti palazzi; il Duomo riportò gravi danni, così come la Galleria e Santa Maria delle Grazie (miracolosamente salvo invece il Cenacolo, “bloccato” nei sacchi di sabbia).

Un tremendo incendio distrusse, poco lontano da Santa Maria delle Grazie, la vigna Leonardesca, si pensava in modo assolutamente irreparabile. Ed invece, ecco il miracolo, reso possibile dalla tenacia e dalla grande esperienza di Luca Maroni, analista sensoriale ed enologo.

Maroni, dopo 11 anni di lavoro è riuscito nell’intento della sua missione: ritrovare e reimpiantare in Milano l’originaria vigna di Leonardo da Vinci. Maroni avviò la sua missione nel 2004.

La ricerca lo portò all’identificazione certa dell’ultima parcella superstite del vigneto di Leonardo. Arrivò l’idea vincente: ”ma se la vite fu distrutta da un incendio, allora le radici sottoterra sono ancora integre, e magari scavando si possono ritrovare ricavandone frammenti cellulari ancora vivi per identificarla, riportarla in vita e ripiantarla, nella stessa posizione, della stessa identica natura dell’originale!”

Si scoprì che i residui vegetali trovati ancora vivi e interrati nel sito originale erano della vite di Leonardo: Malvasia di Candia, la specie. Le viti così selezionate e individuate sono state reimpiantate il 20 marzo 2015.

Ingresso e gratuito al La Vigna di Leonardo con – Abbonamento Musei Lombardia Milano.


Leonardo da Vinci – Codex Arundel

A collaboration between the British Library and Microsoft, titled Turning the Pages 2.0, made 570 pages of Leonardo da Vinci’s’ Codex Arundel available for free online.

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

You can get it here: BRITISH LIBRARY 

 


Il pensiero di Emanuele Severino nella sua "regale solitudine" rispetto all'intero pensiero contemporaneo

a cura di Vasco Ursini, autore di: Il dilemma verità dell'essere o nichilismo?

un paio di uova fritte

il meglio e il peggio della nostra cultura

Lo Specchio di Ego

Storie di Letteratura e Filosofia

Laura Parise

Come le onde del mare... un moto perpetuo... perché la vita è un libro pieno di pagine bianche...

The Spritzy Witch

Esploratrice d'ispirazione. Libri, viaggi, coaching e lifestyle.

kasabake

«Part of the crew, part of the ship!»

Il Sorriso dei Baci

Tutto quello che ti direi

Mente e anima

L'anima come prolungamento della mente

Guardian of life

Everything is much brighter than it seems if you look at it putting a bit of your fantasy!!!!

GramonHill

Cinema, racconti e altro...

GIOVANNI AUGELLO

Il mondo è un libro e quelli che non viaggiano ne leggono solo una pagina

Purple Soul

Le cose materiali permettono la vita; la Poesia nutre lo spirito. (G. Pannia)

Flavia Vinci

Now, Here and Somewhere else

Federico Santarelli Blog

Vorrei continuare il mio lavoro di https://italianoanunnako.wordpress.com/ che non sono riuscito a recuperare per cui lavoro onestamente in coscienza in questo blog

BorderMinds

Illustrazioni, poesie, riflessioni

Pulgarías

Le opinioni separate dalle altre opinioni

DestinodiLux

"Una persona che non ha mai fallito è una persona che non ha mai tentato"

nz

Online zeitung

Lady Nadia

Racconti, poesie e molto altro ancora ...

Through my eyes

A cheerful welcome to my blog folks! It is purveyors of writing lovers. If you love writing, you will surely love being here.

Pina Chidichimo

Basilicata Terra Da Amare

Luca's Blog

La mia vita e i miei interessi

SHOW PICTURES

Photograph,Images for visual recreation

Il Pensator Cortese

Penso quindi so(g)no, tra un bicchiere di vino e un libro

Encres et Paroles

Reflets de mon subconscient

readingtonic

book reviews

Ontologia,Psicoanalisi,Logica.

Logica, filosofia della scienza.

dani58blog

semplicemente. . . . . emozioni

Napoli ieri oggi e domani

piccoli annunci economici gratuiti, consigli da esperti professionisti, notizie utili

ARIA.ENNE

La mia vita da universitaria

DIALOGO NEWS

Voce libera aperta a tutti

"...e poi Letteratura e Politica"

La specie si odia. E mi permetto di aggiungere: "A volte di coppie non si può parlare, ma d'amore sì; altre volte di coppie sì, ma non d'amore, e è il caso un po' più ordinario". R. Musil, 'L'uomo senza qualità', Ed. Einaudi, 1996, p. 1386. Ah, a proposito di 'relazioni': SE APRI IL TUO CUORE SI TRATTA DI AMICIZIA. SE APRI LE GAMBE SI TRATTA DI SESSO. SE APRI ENTRAMBI E' AMORE

newtoneapblog

A Discarded Plant

felii de viata

de gustat și constatat; nu de lăudat sau judecat

Racconti brevi di vita quotidiana ( spero allegri ed umoristici) aforismi pensieri idee di un allegro pessimista

Guai a prendersi troppo sul serio. Racconti allegri pensieri idee di un allegro pessimista

tuttatoscana

rivista di storia microstoria turismo cultura curiosità a cura di Alessandro Ferrini

Seduto nel tempo

Pensieri e Poesie

The road through the woods

homo sum: nihil humani a me alienum puto ... τό βιβλίον τῆς ἐμῆς ψυχῆς

Bagatelle

Quisquilie, bagatelle, pinzillacchere...

Compensazioni equoree

prove di scrittura, poesia, racconti e altro

Piccole Storie d'Amore

Vivo i giorni nella solitudine

Benvenuti nel rifugio di Claudio

La Cultura ci nutre solo se il Pianeta vive . . . . . e questo dipende solo da noi . . . . . e ricordiamo sempre che .... "anche se non ti occupi di politica, stai sicuro che la politica si occuperà di te ..."

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Le pagine dei nostri libri

E' solo un punto di vista

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: